Pubblicato da: amed73 | maggio 29, 2014

A proposito del mio lavoro e di marketing…….

A pochi sarà sfuggito il proliferare di agenzie di marketing. Social o old style pare che molte persone oggi sappiano come vendere, targattizzare, fidelizzare ma soprattutto fare soldi vendendo idee che loro non realizzano o migliorare il tuo lavoro senza sapere da che parte iniziare prima del miglioramento.

A chi invece si butta in un progetto e cerca di di tirarci fuori da vivere alcune di queste persone sono molto utili, anche se in maniera diversa da come vorrebbero.

I gestori di b&b mi potranno confermare di essere tempestati di richieste di iscrizioni a portali più o meno famosi che con mezzi di marketing spiccioli tentano di dimostrare, nello spazio di una email, che digitando una parola chiave da loro suggerita sono i primi su google il più famoso motore di ricerca. Sulla base di questa oppure di altre informazioni fornite da loro unilateralmente chiedono soldi per essere presente sui loro portali e quindi essere visibili e prenotabili.

E così la rivista luimagazine, riviste di motociclismo, portali che ti riempiono il b&b di Svizzeri, Tedeschi, Russi (come fossero mandrie di pecore in transumanza), e  i sempre in voga portali di bed and breakfast (ce ne saranno venti con nome pressoché uguale se non per un punto o un under score di differenza)  per avere visibilità sul proprio sito ti chiedono cifre che variano dai 50 ai 500 euro annui. Ovviamente taciti rinnovi nella maggior parte dei casi.

Discorso a parte per i più famosi Expedia, Booking, Lateroom, Tripadvisor. Discorso che se questo articolo verrà letto da almeno 10 persone sarò lieto di affrontare nel prossimo.

Le guide serie invece, Lonely Planet, Touring Club, Michelin (“La guida verde” nel mio caso), le guide di Peter Amann (in Germania molto popolari), alcuni pubblicazioni di Repubblica o della rivista Dove, mandano personale qualificato che prenota, viene, paga, e nella maggior parte dei casi non si presenta neanche. Qualcuno forse non viene e copia ok, ma non chiedono soldi perché poi vendono i loro lavori al pubblico. Ovviamente ce ne sono altri io parlo di esperienza  diretta.

Tornando ai nostri amici miglioratori ed esperti di marketing quest’anno ho deciso di aderire al sito sponsorizzato dalla FIAB (federazione italiana amici della bici) al prezzo di Euro 80. E così ho la mia targhetta e un posto sulla loro  guida che dice che sono amico dei ciclisti e farò loro lo sconto, ho posto per le loro bici e un’officina per le riparazioni. Loro si fidano molto di me perché nessuno è venuto a controllare, e di questo sono contento, della fiducia intendo. Per ora  neanche un amico della bici è passato di qua ma arriveranno, credo….almeno…no no arriveranno.

La rivista  bikeitalia invece offre pacchetti da 100 fino a 300 euro e mi sono permesso di chiedere alla persona che mi ha contattato un anno di prova gratuita. Per non dire sempre di no. Perché a me la bici piace davvero ma quest’anno ho speso già troppo in promozione. Ovviamente mi aspettavo che la risposta sarebbe stata negativa ma magari si poteva aprire un dialogo, una conoscenza reciproca, vorranno sapere che struttura mettono sul loro sitoweb o sulla loro rivista. E infatti è stata negativa, ma ecco la genialità che salta fuori quando meno te lo aspetti, quando non credevi l’interlocutore all’altezza. E infatti mi rispondo un’altro incaricato marketing della rivista (forse il superiore) ha aggiunto a un semplice no, grazie non possiamo, una frase che mi è sembrata geniale. La mail dice così:

“Purtroppo non ci è possibile accettare formule differenti da quelle previste all’interno della proposta che le abbiamo precedentemente inviato.
Anche lei, d’altronde, non mi permetterebbe mai di farmi dormire per una notte gratuitamente nel suo b&b per testare il prodotto.”

Ovviamente il paragone, va da sé, è campato in aria, è una cacata come comparare un albero a un frutto, una bevanda a un cibo. Ma mi ha fatto venire un’idea.

Ve la dico presto.

…..testare il prodotto….ma pensa te, manco fossi un deodorante, un’automobile, un sofficino, testare il prodotto nun se po’ sentì

 

Pubblicato da: amed73 | luglio 28, 2013

Sport cultura e territorio

Sport cultura e territorio

Pubblicato da: amed73 | luglio 23, 2013

Le escursioni in bici di Luglio e Agosto

Le escursioni in bici di Luglio e Agosto

La litoranea  Otranto-Leuca è la “Strada Parco” per eccellenza nel Salento: panorami mozzafiato (in lontananza – qualche volta –  si scorgono le montagne dell’Albania),  piccole calette che ricordano la Grecia, torri circolari di Sveva memoria. La strada costiera  fa parte del Parco Naturale Regionale “Costa Otranto-S.M. di Leuca – bosco di Tricase”, istituito nel 2008 soprattutto per l’enorme importanza dal punto di vista botanico delle specie vegetali che ospita: alcune di esse sono endemiche di questo territorio  (il Garofanino Salentino, il Fiordaliso di Leuca, il Veccia di Giacomini  etc.), altre sono originarie dei balcani e crescono solo qui in tutta la Penisola Italiana (vengono dette trans-adriatiche). Tra queste la più famosa è la Quercia Vallonea,  portata nel basso medio evo  daimonaci Basiliani, provenienti dagli attuali territori di Grecia Turchia e Kurdistan,  e  dalle cui ghiande venivano estratti i pigmenti poi utilizzati negli splendidi affreschi in stile Bizantino sparsi in tutto il Salento.  In Primavera, con occhio attento, si possono ammirare alcune specie rapaci in migrazione come il falco pellegrino, il gheppio e la poiana.

Domenica 2 Giugno il Parco Otranto – Leuca, con la collaborazione dell’Associazione Salento Bici Tour, e del programma Regionale “Puglia Discovering”, organizza L’AUTOSTRADA DELLA BICICLETTE, passeggiata su due ruote alla scoperta del Parco. Per tutta la giornata sulla litoranea sará vigente il limite di 30 km/h, in modo da permettere a chi partecipa alla ciclo-passeggiata di poter fruire nelle migliori condizioni delle bellezze del Parco. Appuntamento alle 9,00 presso la Stazione FSE di Otranto. A disposizione biciclette per chi volesse affittarne gratuitamente (previa prenotazione al 392 11 44 073 – oppure al 346 086 27 17, Salento Bici Tour).

Lungo il percorso, di una cinquantina di km, vi saranno numerose soste. Dopo aver sorpassato il faro di Punta Palacia, punto più orientale d’Italia, e dove si incontrano il mar Adriatico e il mar Ionio, si farà  tappa sarà a Porto Badisco: leggendario approdo di Enea, la località è nota soprattutto perché nelle sue viscere ospita la “Grotta dei Cervi”, importantissimo complesso pittorico di epoca preistorica, che si dipana per decine di metri in grotte successive, e che gli ha fatto meritare l’appellativo di “Cappella Sistina del Neolitico”. Le grotte sono chiuse al pubblico, per preservarne la preziosissima integrità, in quest’occasione tuttavia sarà possibile visitare una mostra fotografica, che raccoglie alcuni scatti presi all’interno delle grotte,  che resterà aperta durante tutta la giornata nella piazzetta di Porto Badisco.  La mostra è a cura della Cooperativa Terra (per info, per visitare la mostra anche in giorni diversi: 392 78 22 853).

 

Dopo aver attraversato la località termale di Santa Cesarea, e l’antica città di origine romana di Castro, tappa successiva all’insenatura Acquaviva, dove sarà possibile visitare il Museo Naturalistico: al suo interno una mostra sui maestri d’ascia (coloro i quali costruiscono le barche con metodi artigianali), un panel fotografico sul ‘Pisello secco’ di Vitigliano (uno degli elementi più importanti della biodiversità colturale del parco) e la presentazione del progetto “Chirotteri” (i pipistrelli che abitano le grotte lungo tutto la Costa nel Parco)la mostra è a cura della Cooperativa  Ulisside (per visite guidate 328 87 20 491). Pausa pranzo (al sacco, autogestito) e bagno nelle fresche acque della caletta.

Si riparte nel primo pomeriggio direzione Tricase, dove si potrà ammirare la maestosa quercia vallonea, che si racconta abbia dato riparo alle truppe di Carlo V e che – al di là della leggenda – rappresenta uno degli esemplari più antichi di tale specie, tipica dei Balcani e che ha nel salento l’unico biotopo in Italia. La Cooperativa Terrarossa organizzerà una piccola degustazione a base di miele prodotto nei proprio terreni. (per informazioni sulle attività della Cooperativae  visite guidate 335 7 62 61 63).

Ultima fermata in località Cipolliane, dove recentemente è stato messo in sicurezza un incantevole percorso sulla scogliera, tra piante di cappero e piccole insenature, che porta dal “Ciolo” fino a Novaglie. Qui, in una rotonda sovrastante in uno dei punti dichiarati Off-limits dal parco, si potrà visitare una mostra di scatti fotografici aerei del parco  a cura della sezione Legambiente Capo di Leuca.

 

L’arrivo è previsto per il tardo pomeriggio a Leuca, con una visita finale al Santuario della Madonna de Finibus Terrae sulle orme degli antichi pellegrini. È previsto il rientro a Otranto tramite un autobus messo a disposizione dall’organizzazione. È possibile anche partecipare con bicicletta propria, ma il rientro in autobus ha posti limitati: per info 392 11 44 073, 346 086 27 17 (Salento Bici Tour).

Pubblicato da: amed73 | aprile 14, 2012

Per chi si trovasse a Lecce in questi giorni

Per chi si trovasse a Lecce in questi giorni

…………..segnalo una interessantissima iniziativa. E per chi desiderasse maggiori informazioni qui troverete tutto.

Pubblicato da: amed73 | aprile 7, 2012

SALENTO IN BICI con gli amici del salentobicitour

locandinasalentotourpasqua_stampa_01

Pubblicato da: amed73 | settembre 20, 2010

PERCORSI CICLOTURISTICI NEL SALENTO

Girando per le campagne salentine nelle zone di Castro, Santa Cesarea, Otranto, Poggiardo, Spongano, Andrano, Tricase ho scoperto dei percorsi molto interessanti. Alcuni già segnalati, certo non li scopro io, ma il bello è provare strade di campagna diverse (ce ne sono tantissime), e collegare i pochi e mal tenuti percorsi che si incontrano. Noi andiamo in mountain bike e ce ne freghiamo, ma i sentieri  sono un pò selvaggi e le nostre campagne sono spesso un pò trascurate (e di questo ce ne frega un pò di più).

A breve pubblicherò qualche percorso su queste pagine, nel frattempo, come ho già scritto sul sito del B&B, per il mese di Ottobre ho in programma diverse uscite da abbinare al relax del mare e della nostra terrazza.

Percorsi di 20/30 chilometri alla portata di tutti, ma anche qualcosa di più impegnativo per chi è allenato.

A presto per dettagli, chi volesse mi può contattare

Pubblicato da: amed73 | giugno 9, 2010

VELE NEL PARCO 2010

E’ la quarta edizione di Vele nel Parco, uno di quegli eventi che a noi di Macchia fa piacere segnalare.
Sabato 19 Giugno, verso le 9,30 salentine, partiranno da S.M.di Leuca in direzione di Otranto le barche a vela (lo scorso anno erano una ventina) che si saranno iscritte alla regata organizzata dalla Scuola Vela Smarè di Leuca e da Salentoinvela di Otranto.
Ci piace Vele nel Parco perchè la regata non è competitiva.

Ci piace perchè lo scopo principale è quello di promuovere la nostra costa e il Parco Naturale Otranto-S.M.di Leuca.

Ma soprattutto ci piace vedere passare tutte quelle vele colorate nel mare di fronte la terrazza di Macchia di Pele.

Buon vento

Pubblicato da: amed73 | aprile 13, 2010

FESTIVAL DEL CINEMA EUROPEO A LECCE

Inizia oggi a Lecce al cityplex santalucia l’undicesima edizione del festival del cinema europeo.

Quest’anno per la rassegna di cinema euromediterraneo sarà la settimana del cinema turco.

Il concorso invece è incentrato su 10 film:

9 06 (slovenia-germania), applause (danimarca), can go through skin (olanda), crayfish (bulgaria), desperados on th block (germania), due vite per caso (italia), five minutes of heaven (irlanda e gran bretagna), restless (francia), the unloved (gran bretagna), yo tambien (spagna).

Anche una rassegna sul regista turco yilmaz guney e su carlo verdone, oltre ad alcuni film documentario e convegni.

Di seguito il programma completo

programma festival del cinema europeo

Pubblicato da: amed73 | aprile 12, 2010

Festa patronale di Castro

Da venerdì 23 Aprile a lunedì 26 Aprile anche quest’anno Castro si addobba delle luminarie più festose, la gara pirotecnica vedrà coinvolti sei maestri dell’arte pirica e il pesce a Sarsa di cui abbiamo già scritto in passato sfamerà i visitatori.

Sabato 24 la serata dei fuochi artificiali e della sagra.

Lunedì 26 chiuderà le feste il concerto di Max Gazzè

Older Posts »

Categorie